Abbazia di Piona a Colico

Abbazia di Piona a ColicoNon bastasse l’opera della natura che ha formato la spettacolare insenatura che prende il nome di Laghetto di Piona, l’uomo ci ha messo del suo costruendovi sull’estremità della penisola detta Olgiasca un complesso monastico, l’Abbazia di Piona a Colico.

Ci troviamo nell’estremità settentrionale del Lago Lario, a pochi passi da Colico, incastonati fra le montagne Legnone e Legnoncino e il lago: situata in posizione strategica sulla strada che collegava il Milanese con la Valchiavenna, l’abbazia è stata da sempre oggetto di mire e scambi politici, militari ed economici; la sua storia più moderna e attuale si intreccia anche con il nostro passato coloniale.

Natura, religione, arte e storia trovano in questo sito un compendio davvero raro.

Abbazia di Piona a Colico: cenni storici

Le prime testimonianze risalgono al VII secolo: un cippo attribuisce al vescovo di Como Agrippino la volontà di costruire un oratorio religioso dedicato a Santa Giustina Martire. Sembra che il rudere che oggi è sito dietro la chiesa appartenesse proprio a questo primitivo edificio.

Nel IX secolo, Piona fu inserita nel movimento della riforma di Cluny che portò numerosi monaci nelle abbazie di tutta Europa al fine di rivitalizzarle.

Nei secoli, però, si registrò un calo dei numeri di monaci presenti e l’abbazia si ridusse a oggetto di scambio di trame politiche-militari; particolarmente cupo fu il periodo della Repubblica Cisalpina quando i beni dell’Abbazia vennero confiscati e messi all’asta.

Nel corso della storia, l’Abbazia divenne di proprietà privata, ma sarà per la volontà dell’ultima proprietaria, la famiglia Rocca, che l’Abbazia rinasce come oggi la conosciamo: in memoria dell’ing. Cesare Rocca e di sua moglie Lydia, trucidati nell’eccidio del cantiere Gondrand in Etiopia, la famiglia decise di donare l’Abbazia alla congregazione cistercense di Casamari che, dal 1938 a oggi, ha riaperto alla vita monastica l’abbazia, dettata dal ciclo dell’opus Dei, lectio Divina e labor manum.

Dal punto di vista architettonico, l’edificio principale è la chiesa dedicata a San Nicola, con pietra a vista, bella testimonianza del romanico lombardo.

Liberamente visitabile, l’Abbazia di Piona è aperta tutto l’anno. Orari disponibili sul sito ufficiale www.abbaziadipiona.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.