Ciclabile Almè Sedrina, NON percorribile a piedi

Ci eravamo lasciati a Gennaio con l’inizio dei lavori che un gruppo di volontari aveva avviato per ripulire il sedime dell’ex ferrovia della Valle Brembana dalle sterpaglie e dai rifiuti di vario genere che rendevano impraticabile la tratta; ci ritroviamo oggi per dire GRAZIE a quel gruppo di volontari che, con impegno, forza, dedizione e spirito del sacrificio, hanno permesso che l’opera di pulizia fosse portata a termine.
Dopo tanto lavoro, però, la ciclabile Almè Sedrina non è ancora in sicurezza e, per questo, NON è al momento percorribile a piedi.
Il giorno 7 aprile, infatti, il Comune di Sedrina ha emesso un’ordinanza di divieto di transito sul sedime dell’ex ferrovia, punendo con una multa da 250 € i trasgressori.

Ciclabile Almè Sedrina: pulita, ma non sicura

Il lavoro del gruppo di volontari che ha ripulito il sedime (anche se per ora non ha ancora costituito un’associazione formale, si fa chiamare “Amici di Valentino Damiani”), comprese le gallerie, è per ora in stand by: infatti, si sono verificati dei distacchi di massi e, inoltre, mancano in più punti delle barriere collaudate. Per questa mancanza di sicurezza, quindi, il tratto è stato per ora chiuso e per poter apprezzare quindi il gesto dei volontari e per riscoprire l’importanza che la ex ferrovia della valle Brembana ha rappresentato per la storia locale, dobbiamo aspettare e sperare che ciò venga presto fatto.

Nel frattempo, possiamo dare un’occhiata ad alcune fotografie di come appare oggi il sedime, pulito e ordinato (le potete vedere qui e qui) mentre qui c’è un interessantissimo reportage su come appariva quando era in funzione la ferrovia, durante gli anni dell’abbandono e, infine oggi.
Qui sotto vi proponiamo un bel video realizzato dai volontari

e un altro video realizzato per l’ottava giornata nazionale delle ferrovie dimenticate che ripercorre passato e presente di questa straordinaria opera.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.