La strana coppia: il Monastero di Astino e l’EXPO

La strana coppia: il Monastero di Astino e l’EXPO

Chissà se fino a qualche anno fa il Monastero di Astino  se lo sarebbe immaginato un rilancio del genere: da struttura abbandonata al suo destino a un ruolo attivo nell’ambito delle attività cittadine legate all’Esposizione Universale, più familiarmente l’EXPO di Milano 2015.

Il Monastero di Astino incontra l’Expo

Monastero AstinoCome forse saprete, la bella notizia è l’approssimarsi a ritmo incalzante della realizzazione, proprio nella Valle di Astino, di una nuova sezione dell’Orto Botanico di Bergamo: stiamo parlando della bellezza di 9.000 mq di terreno che, sulla superficie di proprietà della Fondazione MIA, si trovano a monte del Monastero.
Il tema dell’EXPO di Milano, vi ricordo, è “Nutrire il pianeta/Energia per la vita” e l’inaugurazione di questa nuova sezione (destinata principalmente alle piante animali) è volta alla valorizzazione dell’unicità e della biodiversità della Valle; il progetto che è stato avviato, A.D.A. – A Disposizione dell’Allegrezza (dal nome del suggestivo bosco che si trova a pochi passi del Monastero), è, peraltro, di tipo partecipativo, nel senso che diverse associazioni e cittadini sono coinvolti.
Per il futuro, la sezione del Monastero rimarrà qualcosa di innovativo, fatto di sperimentazione ed educazione. Insomma non solo un museo da ammirare: e chi se lo sarebbe immaginato questo finale per la zona che circonda il Monastero di Astino?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.